CHIACCHIERE E DOPPIA CREMA AL CIOCCOLATO

 

 

Ogni Martedi grasso che si rispetti , qui a Napoli, si compie il rito delle chiacchiere fritte accompagnate dal  finto sanguinaccio. In realtà sin dai primi giorni del periodo di carnevale , tutte le pasticcerie offrono vasta scelta di questi dolcetti presentati in varie forme.

Io trovo così divertente e soddisfacente prepararle in casa assieme alla doppia crema al cioccolato che piuttosto che comprarle non le mangio!

Ma spesso mi riduco all’ultimo giorno dimostrando di non essere una Blogger  degna di questo nome, ma piuttosto una casalinga golosa ma affannata. In compenso, una volta che ho pubblicato sul blog, per l’anno prossimo sarò prontissima!!

Per le chiacchiere ho utilizzato la ricetta proposta da due blogger “serie” ( guardate che blog!! e che ricette!!) Valentina Cappiello( La ricetta che Vale) ed Assunta Pecorelli(La cuoca dentro) a loro volta ispirate da quella del maestro Iginio Massari.

Ve la propongo con le mie piccole variazioni; per la prima volta ho utilizzato la macchinetta per stendere la pasta ma l’impasto era assolutamente malleabile ed “obbediente” da poter essere steso facilmente a mano.

DSC_0972

Ingredienti

350 g di farina manitoba (è il segreto della ricetta, la manitoba in questo caso, rende il fritto croccante ed asciutto)

150 g di farina 00
60 g di zucchero semolato
60 g di burro morbido
175 g di uova
(sono  circa 3 uova medie )
5 g di sale fino
50 g di marsala( io un brandy all’arancia che avevo in casa, l’alcool serve per far gonfiare in cottura il fritto)
la buccia grattugiata di un limone non trattato
la buccia grattugiata di una arancia non trattata ( chi mi conosce sa che adoro il gusto agrumato in ogni dove, sia dolce che salato)

Per la frittura:

olio di arachide q.b.( io ho utilizzato una lattina da 1l)

PROCEDIMENTO

Mettete la farina setacciata su un piano di lavoro (o nell’impastatrice se la si possiede, o nel Bimby) e poi al centro lo zucchero, il burro morbido, le uova, il sale, il liquore, la buccia grattugiata degli agrumi.
Impastate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Lasciate riposare l’impasto, coperto con pellicola, a temperatura ambiente per un’ora circa. ( io, per la verità tutta la notte in frigo perchè ieri sera ero troppo distrutta per procedere..)
Trascorso il tempo di riposo, stendete la pasta molto molto sottile con il matterello o con la sfogliatrice, poca per volta, tenendo la rimanente sempre coperta da pellicola alimentare.
Ricavate dei rettangoli, non troppo stretti, con la rotella tagliapasta e incideteli al centro.
Preparatene poche per volta e friggete man mano in olio caldo a 175/176°C. E’ importante non superare questa temperatura. Rigiratele velocemente, dovranno essere dorate.
Lasciate sgocciolare su carta assorbente o carta  e, una volta fredde, spolverizzate( noi le abbiamo inondate) con abbondante zucchero a velo.

DSC_0988

Per la doppia crema al cioccolato

Ingredienti

750 ml di latte intero

400 .gr di zucchero

4 cucchiai abbondanti di amido di mais ( io maizena)

90 gr. di cacao amaro

150 gr. di cioccolato fondente

1 tuorlo ( serve a rendere lucido il cioccolato, potete sostituire con una noce di burro a cottura avvenuta)

cannella, estratto di vaniglia,liquore ( io cointreau), frutta candita a pezzetti e gocce di cioccolata in quantità a piacere, senza esagerare, ma secondo il gusto.

Procedimento

In una pentola riunire tutti gli elementi secchi, zucchero amido e cacao, insieme al tuorlo.

Mescolare bene ed aggiungere poco alla volta il latte freddo ed amalgamare per bene.

Passare sul fuoco girando quasi costantemente fino a quando la crema non tenda ad addensarsi, prolungare la cottura un paio di minuti ; ci vorranno in tutto una buona ventina di minuti.

Fuori dal fuori aggiungere il cioccolato fondente tagliato a pezzetti e farlo ben amalgamare.

Quando il tutto è un pò raffreddato aggiungere il liquore, la cannella i canditi.

DSC_1027 DSC_0980 DSC_0973

L’idea e la pratica di questi cestini di chiacchiere le ho attinte da un corso di Cucinamica-Napoli.

Lulù e Vale...Ketty fa la timida

2 Comments

  • Valentina ha detto:

    Io direi che sei stata bravissima, approvo anche il brandy all’arancia che deve aver dato un tocco profumato e agrumato irresistibile! Complimenti e grazie di cuore per la menzione!!! <3 Sono contenta che ti siano piaciute e il sanguinaccio è davvero goloso, solo a guardarlo! Un abbraccio grande a tutti voi :**

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Copyright © 2020 - Tutti i diritti sono riservati